Studiare all’estero: cosa sapere

Quello di studiare all’estero è il sogno e l’ambizione di molti studenti! Immergersi nella vita universitaria di un’altro paese, come l'Inghilterra o gli Stati Uniti, conoscere altre nazionalità ed impare perfettamente un’altra lingua: sono tante le ragioni che ci invogliano a partire!

Ma per studiare all’estero, cosa bisogna sapere? Consulta la nostra guida pratica e scopri tutti i nostri consigli per studiare all’estero:

Cosa fare per studiare all’estero?

È quasi fra le tappe obbligatorie del percorso di molto studenti universitari: prevedere un semestre o un anno di studi all’estero. Ma cosa fare per poter studiare in un altro Paese?

Riassumendo, ci si può ritrovare in due principali tipo di situazione quando si desidera studiare all’estero:

  1. Si è già iscritti in una facoltà italiana
    Da un punto di vista organizzativo, questa è senza dubbio la soluzione più pratica quando si vuole studiare per un semestre o più all’estero. Il primo passo sarà quello di informarsi, presso la propria facoltà italiana, di quali siano le università con le quali è possibile effettuare uno scambio universitario. Anche da un punto di vista economico, la tua facoltà avrà sicuramente dei programmi di borsa di studio che ti permetterebbero di ridurre i costi del tuo soggiorno all’estero.
  2. Hai deciso fare un anno all’estero in tutta indipendenza
    Hai voglia di vivere un anno (o meno) all’estero in un’università nord-americana, asiatica, cinese o sud-coreana?
    Fra i nostri consigli per studiare all’estero sicuramente ti raccomandiamo:
    • di verificare o di informarti della corrispondenza fra i vari diplomi tra l’Italia e i paesi extra-europei. Infatti, in generale l’anno o il semestre effettuato in una delle università europee (o in atenei parte dello Spazio Schengen) ti sarà facilmente riconosciuto in Italia ma non è sempre è così nel caso di università extraeuropee.
    • Per quel che riguarda gli eventuali aiuti finanziari, come le borse di studio, queste saranno da chiedere direttamente all’università straniera di tua scelta (se ovviamente ne dispone).

Lo sapevi? In entrambi i casi resta raccomandata (se non obbligatoria) per l’iscrizione in alcune facoltà nel Nord America e non solo la sottoscrizione di un’assicurazione sanitaria per studenti all’estero. Ti proponiamo l’Assicurazione viaggio Singolo Studenti di AXA Partners che ti tutela non solo da eventuali spese che potresti dover sostenere per problemi legati alla tua salute ma include anche il rimborso dei costi delle lezioni o dei costi dell'università in caso di rientro anticipato!

 

Fai un preventivo e acquista in due minuti!

Assicurazione Viaggio Crociera: scegli e acquista online la migliore polizza, economica e completa, per viaggiare nel mondo.

FAI UN PREVENTIVO

Quale Paese è più adatto per un anno universitario all’estero

In realtà non c’è un paese migliore dell’altro per studiare all’estero: ma tutte le destinazioni possono avere vantaggi ed inconvenienti. Da un punto di vista pratico, ci sono diversi fattori che possono influenzare la tua scelta. Principalmente dovrai decidere se: studiare in Europa o in un Paese membro dello spazio Schengen o se studiare in un paese extra-europeo.

1. Studiare in Europa
Da un punto di vista delle formalità, un anno di studio in uno dei paesi europei è probabilmente il più facile da organizzare.

  • Prima di tutto per quel che riguarda il visto: non sarà necessario richiederlo in quanto, come cittadino italiano, puoi circolare liberamente in tutti i paesi membri dello spazio Schengen, come la Francia, la Spagna, il Portogallo, la Germania ma anche la Norvegia o la Danimarca.
  • Da un punto di vista della copertura assicurativa, sarai coperto dalla TEAM, la tessera europea di assicurazione malattia. Anche se vale decisamente la pena pensare di sottoscrivere una polizza per studenti all’estero aggiuntiva che possa darti più garanzie per la durata del tuo soggiorno di studi.
  • Se scegli di studiare in Europa, potrai richiedere una borsa di studi Erasmus+. Si tratta del (ormai conosciutissimo) programma di scambi universitari fra le diverse facoltà europee, che ti permettono di studiare per uno o più semestri in una facoltà estera (europea) di tua scelta.

2. Come studiare all’estero: scegliere una facoltà in un paese extraeuropeo (in Nordamerica, Asia…)

Studiare in un paese extra-europeo significa principalmente dovere preoccuparsi di formalità aggiuntive rispetto a quelle imposte in Europa. Dovrai sicuramente pensare a un visto di soggiorno ma anche alla sottoscrizione di una polizza sanitaria che possa coprire le spese mediche sul posto (non essendo più coperto dall’assicurazione sanitaria italiano od europea).

Ma questo non significa che non ne valga la pena! Ci sono moltissimi vantaggi:

  • il prestigio di alcune università (soprattutto quelle Nordamericane ma anche quelle asiatiche). Secondo il rinomato Shangai Ranking of World Universities del 2023, sul podio si trovano le università americane di Harvard, Stanford e MIT seguite da Cambridge nello UK.
  • la possibilità di scoprire una destinazione in un altro continente completamente diverso dall’Europa (se scegli, ad esempio, un’università in India o Cina).
  • un corso di studio particolarmente specifico D
  • al punto di vista delle formalità d’entrata quasi tutti i paesi dispongono di un visto per gli studenti. Ti consigliamo di informarti per capire esattamente quali siano le formalità da sbrigare ma solitamente si ottengono facilmente.

Quanto costa andare a studiare all’estero?

Il prezzo di un periodo di studio all’estero dipenda da un numero elevato di fattori: la destinazione del tuo soggiorno di studi all’estero, l’università scelta, l’ottenimento o meno di una borsa di studio.

Generalizzando al massimo, si potrà dire che il soggiorno di studio più costoso riguarderà sicuramente gli studenti che decidono di viaggiare verso una delle università del Nordamerica. Gli atenei americani e canadesi sono (mediamente) molto più costosi di quelli europei. Per non parlare delle università private dell’Ivy League americane, come Harvard o Princeton, che possono avere dei costi di iscrizione che superano i 50 000 $ annui.

Il nostro consiglio: le grandi università americane e canadesi dispongono sistematicamente di borse di studio (spesso attribuite agli studenti con medie alte) che permettono di coprire parte o totalità dei costi di iscrizione. Inoltre, se sei iscritto in una facoltà italiana, informati presso il tuo dipartimento di studi se ci sono dei programmi (con borsa di studio) verso alcune particolari università.

  • La garanzia annullamento crociera

Perché scegliere l’assicurazione per studenti all’estero di AXA Partners

Facile e veloce da ottenere online, la nostra assicurazione Viaggio Singolo Studenti ti protegge per tutto il tuo periodo di studio (da 7 giorni fino a 12 mesi).

  • ti rimborsa le spese mediche fino a 300 000€
  • ti rimborsa le lezioni o costi universitari in caso di rientro anticipato – Garanzia opzionale
  • ti protegge con un’assicurazione di Responsabilità Civile verso Terzi
  • Offre inoltre Assistenza sanitaria in viaggio con una centrale operativa attiva 24h/7 giorni su 7, un’assicurazione bagaglio, infortuni di volo e ritardo volo.

Calcola comodamente il tuo preventivo online, per partire in tutta serenità, preoccupandoti solo dei tuoi studi!

Related subjects 

  • Quattro ragioni per stipulare un’assicurazione viaggio per studenti all’estero
  • Studiare negli USA: quale assicurazione viaggio studenti scegliere?
  • A cosa serve un’assicurazione di Responsabilità Civile verso Terzi per studenti?
  • Assicurazione studenti universitari all’estero

FAQ Studiare all'estero

Che media bisogna avere per studiare all'estero?
È necessaria una buona/discreta media per studiare all’estero: le università richiedono solitamente di avere almeno 24/30 di media. Ma oltre una buona media, potrà essere richiesto, soprattutto nell’università anglofoni, un buon risultato ai test di lingua inglesi, come il TOEFL (obbligatorio per le università americane) o il Cambridge English test (richiesto dalle università inglesi e quelle australiane).

Perché, in Europa, conviene sottoscrivere una polizza studenti all’estero aggiuntiva (alla TEAM)?
Se studi in Europa benefici della copertura TEAM che, nonostante i suoi vantaggi, non è così ampia come quella offerta dall'assicurazione complementare, adattata alle esigenze di chi va a studiare all'estero. In effetti si tratta unicamente di un’assicurazione sanitaria per l’estero, che copre unicamente le spese mediche del sistema sanitario pubblico locale. Le visite da specialisti privati, ad esempio, non saranno coperte. Inoltre, per esempio, non include l’assicurazione di Responsabilità Civile verso Terzi o l’annullamento in caso di rinuncia al viaggio.

Quanto costa un’assicurazione studenti universitari all’estero?
Il costo finale della tua polizza per studenti all’estero dipenderà da diversi fattori quali 1) il tuo paese di studio di destinazione e 2) la durata del tuo soggiorno. Con l’assicurazione Viaggio Singolo Studenti proponiamo delle tariffe per 7 giorni a partire da: 9,22 € in Italia, 15,93€ in Europa, per le destinazioni nel mondo (tranne USA, Canada e Messico) e 47,79€ per USA/Canada/Messico e tariffe per soggiorni di un anno a partire da: 96,01€ (Italia), 170,05€ (Europa) 410,95€ (Mondo escluso USA, Canada e Messico) e 510,14€ (USA/Canada/Messico).

LE NOSTRE POLIZZE

  • Viaggio singolo - Schermo Totale

    Viaggio singolo - Schermo Totale

    La polizza ideale per chi non vuole avere pensieri - A partire da 5,67 €/assicurato

    SCOPRI DI PIÙ
  • Polizza Viaggio Annuale

    Polizza Viaggio Annuale

    Per chi viaggia spesso durante l’anno - A partire da soli 72€/assicurato

    SCOPRI DI PIÙ