• CONSIGLI E INFO

  • CONSIGLI PER DESTINAZIONE

Visto per gli USA: quando serve e come ottenerlo

USA e crisi sanitaria: la pandemia da Covid-19 chiude le frontiere statunitensi ai turisti europei

A causa della crisi sanitaria andare negli Stati Uniti è attualmente molto difficile e del tutto vietato a chi abbia soggiornato in un Paese dell’Area Schengen (inclusa l’Italia), nel Regno Unito, in Irlanda, Brasile, Sud Africa, Cina o Iran nei 14 giorni precedenti all’entrata nel territorio. Sono sempre possibili i viaggio per i cittadini statunitensi, i residenti e i funzionai diplomatici o gli operatori umanitari.

Esistono alcune eccezioni che riguardano i visti per viaggi considerati di “interesse nazionale”. Rientrano in queste categorie di motivazioni straordinarie: la ricerca medica (in particolare nella lotta contro il Covid), lo studio (visto F), la formazione professionale (M), gli scambi culturali (J), gli affari (B1) o gli investimenti (E), il giornalismo (I), o attività brevi di interesse economico (manutenzioni tecniche, funzioni dirigenziali, atleti professionisti).
Per sapere se si rientra nelle eccezioni o per avere informazioni aggiuntive sulle possibilità di viaggio, è necessario rivolgersi all’Ambasciata e ai Consolati degli Stati Uniti in Italia e consultare regolarmente il sito Viaggiare sicuri della Farnesina.

Chi ottiene il visto deve inoltre:

  • Fornire l’esito negativo di un test molecolare o antigenico di meno di 3 giorni dalla partenza oppure la documentazione che attesti l’avvenuta guarigione. Non sono accettati i certificati di vaccinazione.
  • Effettuare un test entro 3-5 giorni dall’arrivo e rispettare 7 giorni di isolamento oppure 10 giorni se non si effettua il test.

Gli Stati Uniti fanno parte dei Paesi del cosiddetto gruppo E per i quali è necessario, al rientro in Italia, compilare un’autodichiarazione, e rispettare un isolamento e una sorveglianza sanitaria per 14 giorni.

Quali sono le formalità amministrative per andare negli USA? Quando è necessario richiedere il visto? Soggiorni turistici, viaggi di studio, business trip, congressi scientifici o un semplice scalo prima di ripartire verso destinazioni più lontane: dalla East Coast alla California, dall’Alaska alla Florida, gli Stati Uniti attirano ogni anno viaggiatori da tutto il mondo. Passaporto, visto, autorizzazione di viaggio, copertura sanitaria: ecco cosa ti serve per partire alla conquista del Far West.
 

Assicurazione Viaggio USA

Fai subito il preventivo e ottieni il tuo contratto di migliore assicurazione viaggio | A partire da soli 3,30€!

Assicurazione Viaggio USA

Lavoro, turismo, studio: per andare negli USA serve il visto?

Per andare negli Stati Uniti non è sempre indispensabile avere il visto. Per alcuni tipi di viaggio e per i cittadini di un insieme ristretto di Paesi, è possibile entrare nel territorio americano con una semplice autorizzazione di viaggio, ESTA (Electronic System for Travel Authorization). Ecco le spiegazioni.
Non serve il visto (e basta l’ESTA) se:

  • Hai la cittadinanza di uno dei 39 Paesi inclusi nel Visa Waiver Program (Viaggio senza visto). L’Italia fa parte della lista come quasi tutti gli Stati europei.
  • Il tuo soggiorno dura meno di 90 giorni.
  • Viaggi per turismo, per affari o sei in transito verso un’altra destinazione.
  • Hai un passaporto elettronico (valido per tutto il periodo del soggiorno).
  • Non hai la doppia cittadinanza di un paese del Visa Waiver Program e di Iran, Iraq, Corea del Nord, Siria o Sudan.
  • Non hai viaggiato dopo il 1° marzo 2011 in Iran, Iraq, Corea del Nord, Libia, Siria, Somalia, Sudan e Yemen (salvo alcune eccezioni).

Serve il visto se anche uno solo di questi requisiti non è rispettato. Quindi se sei italiano, ma viaggi per altri motivi o resti più a lungo, hai comunque bisogno di richiedere il visto.

Il tuo passaporto è scaduto, non è un passaporto elettronico o hai solo la carta di identità? Ti potrebbe interessare la nostra guida completa al rilascio del passaporto per gli adulti e per i bambini.
 

Che tipi di visti esistono per gli USA?

Se non puoi avere l’ESTA, ma non hai l’intenzione di andare a vivere stabilmente negli Stati Uniti, devi richiedere un visto per non immigranti. Ne esistono moltissime categorie a seconda del motivo del tuo viaggio:

  • B, per viaggi affari, meeting o conferenze (B1), turismo o cure mediche (B2)
  • C1, se stai viaggiando verso un’altra destinazione e sei in transito sul territorio americano,
  • C1/D, se sei membro di un equipaggio aereo o navale,
  • E, per viaggi a fini commerciali (import-export) o per fare investimenti,
  • F, M, per soggiorni di studio in scuole e università, o per corsi professionali,
  • I, per attività giornalistiche (addetto stampa, redattore, troupe di radio e televisione ecc.),
  • J per gli scambi culturali o attività di ricerca, •
  • Molte categorie di visti sono riservate a chi va a lavorare negli Stati Uniti per contratti a termine (H, L, O, P, Q, R, a seconda del tipo di lavoro), o per incarichi diplomatici e militari (A, G, NATO).

Se invece vuoi realizzare il tuo sogno americano e trasferirti definitivamente negli USA, dovrai richiedere il visto immigrazione.
 

Come ottenere il visto per gli USA?

Ogni tipologia di visto corrisponde a una domanda specifica. La prima parte della procedura si svolge online, poi è necessario richiedere un appuntamento negli uffici della rete consolare per finalizzare la richiesta. Il sito dell’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia fornisce le indicazioni dettagliate per la richiesta del visto, con i link utili e la lista dei documenti necessari per tutte le categorie. Oltre all’apposito formulario di richiesta, bisogna fornire una documentazione piuttosto completa sulla propria situazione economica e familiare in Italia, sullo scopo e la durata del viaggio e sulla capacità di sostenere dal punto di vista finanziario il proprio soggiorno (per esempio se si viaggia per motivi medici o di studio).
Una volta accordato, il visto verrà rilasciato in due tre giorni.
 

Devo richiedere il visto se transito negli Stati Uniti?

Anche un semplice scalo aereo è considerato un ingresso nel territorio e dovrà essere autorizzato o con l’ESTA, se gli altri requisiti sono rispettati, o con l’apposito visto per non immigranti (C1).
 

I non italiani residenti in Italia devono sempre richiedere il visto?

Un requisito indispensabile per viaggiare senza visto è avere la cittadinanza di uno dei Paesi inclusi nel Visa Waiver Program e non solo la residenza nel territorio.
Quindi se non hai la nazionalità italiana e il tuo Paese non rientra in quelli che possono accedere all’ESTA devi sempre richiedere il visto, qualunque sia il motivo e la durata del tuo soggiorno. Se sei residente in Italia e quindi richiedi il visto a partire dall’Italia, saranno necessari alcuni documenti specifici come l’originale del permesso di soggiorno.

  • Documenti per USA: passaporto, visto, sicurezza

Come ottenere l’ESTA?

Se rispondi ai requisiti del Visa Waiver Program (puoi saperlo rapidamente con il semplice questionario dell’Ambasciata degli Stati Uniti d’America in Italia) puoi viaggiare senza visto ma hai comunque bisogno di richiedere l’autorizzazione ESTA.

  • Come? La procedura è 100% online (Official ESTA Application) e richiede meno di mezz’ora.
  • Quando? Il prima possibile (in caso di rifiuto, devi avere il tempo di richiedere il visto), ma almeno 72 ore prima della partenza.
  • Chi deve richiedere l’autorizzazione? Tutti i viaggiatori, inclusi i bambini, anche quelli che viaggiano senza biglietto. Tutti i richiedenti, di qualsiasi età, devono avere il passaporto elettronico per poter ottenere l’ESTA.
  • Qual è la durata di validità dell’ESTA? L’autorizzazione vale 2 anni o fino alla scadenza del passaporto.
    Attenzione! L’ESTA non consente di restare negli Stati Uniti continuativamente per due anni, ma è un’autorizzazione di ingresso multiplo che permette cioè, nel periodo di validità, di fare più viaggi, purché non superiori ai 90 giorni né per motivi diversi di quelli autorizzati. In tutti questi casi è necessario il visto. L’ESTA deve essere rinnovata anche se avvengono cambiamenti nei dati forniti (nome, cittadinanza, motivo del soggiorno ecc.), mentre non è necessario se l’autorizzazione scade mentre si è in viaggio.
  • Quanto costa richiedere l’ESTA? Per fare la domanda si pagano $ 4, se l’autorizzazione viene accordata, vengono richiesti ancora $ 14 per finalizzare il rilascio.
  • Devo avere un biglietto di ritorno? No, per la richiesta non è necessario fornire i dettagli degli spostamenti, ma viene richiesto un contatto (ospite, hotel ecc.) all’interno degli Stati Uniti.
  • E poi? L’ESTA non garantisce al 100% di poter entrare negli Stati Uniti. L’autorizzazione definitiva spetta solo all’ufficiale della Polizia doganale che ti accoglierà al tuo arrivo.

Lo sapevi che non sono consentiti o fortemente limitati i viaggi turistici verso Cuba in partenza dagli Stati Uniti anche per cittadini non americani?
 

Quali altri documenti sono necessari per andare negli Stati Uniti?

Oltre al passaporto valido per tutta la durata del soggiorno, il visto o l’ESTA, può servirti:

  • Un’assicurazione sanitaria USA. Benché non sia obbligatorio, stipulare una polizza sanitaria è fortemente consigliato dalle autorità. Le spese mediche negli Stati Uniti sono esorbitanti anche per prestazioni banali o urgenti e non sono in alcun caso rimborsate dal Sistema Sanitario italiano. Un’assicurazione viaggio USA di AXA ti permetterà inoltre di affrontare anche molti altri imprevisti di viaggio, di proteggere il tuo bagaglio e di avere un’assistenza in italiano 24/7.
    Vuoi saperne di più? Scopri nel nostro articolo i 5 ottimi motivi per stipulare un’assicurazione medica USA.
  • La patente internazionale e la tua patente italiana valida se intendi noleggiare un’auto. Poiché la patente italiana non è riconosciuta in tutti gli Stati (la California e il Nevada la accettano, il Montana per 30 giorni, il Michigan per 90, altrove viene richiesta la traduzione in inglese o il documento internazionale…), è meglio partire con la patente internazionale conforme alla Convenzione di Ginevra del 1949.

Cosa possiamo fare noi di AXA perché il tuo viaggio sia un successo? Le polizze AXA hanno garanzie incluse o in opzione (copertura medica completa, assicurazione bagaglio, assicurazione responsabilità civile verso terzi, assicurazione annullamento) e massimali di rimborso (fino a € 3 000 000) adeguati a un viaggio negli Stati Uniti. Fai un preventivo, metti a confronto le nostre soluzioni, e parti tranquillo!

 

LE NOSTRE POLIZZE

  • Polizza Viaggio Annuale

    Polizza Viaggio Annuale

    Per chi viaggia spesso durante l’anno - A partire da soli 72€/assicurato

    SCOPRI DI PIÙ